Il Brasile ospita la Partita contro la povertà

Ronaldo e Zinédine Zidane invitano i giocatori più famosi del mondo a partecipare alla 10ª “Partita contro la povertà”, che da sempre è appoggiata dalla UEFA e che si svolgerà il 19 dicembre a Porto Alegre.

©Witters

Ronaldo e Zinédine Zidane invitano i giocatori più famosi del mondo a partecipare alla 10ª “Partita contro la povertà”, che da sempre è appoggiata dalla UEFA e che si svolgerà il 19 dicembre alla Gremio Arena di Porto Alegre (21.00 ora locale).

In qualità di ambasciatori del Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP), Ronaldo e Zidane saranno i capitani di due squadre all-star che si sfideranno in amichevole per sensibilizzare il pubblico sulla lotta alla povertà.

“La lotta alla povertà non è un gioco - ha dichiarato Ronaldo, che 10 anni fa ha ideato la Partita contro la povertà insieme a Zinédine Zidane e alle Nazioni Unite -. Ma sfruttiamo questa partita per raccogliere fondi e far capire che la soluzione è nelle mani di tutti noi. Lavorando insieme, la Partita contro la povertà la vinceremo tutti".

Zidane, che giocherà in Brasile per la prima volta, ha spiegato che dopo 10 anni di partite con Ronaldo è impaziente di salutare ancora una volta i vecchi amici. “Anche se sarà un’amichevole, non vedo l’ora di affrontare i miei ex colleghi a Porto Alegre”, ha commentato.

La partita a Porto Alegre segue le nove riuscite edizioni che si sono tenute a Basilea, Madrid, Dusseldorf, Marsiglia, Málaga, Fez, Lisbona, Atene e Amburgo. Ogni anno, i fondi raccolti sostengono progetti nei paesi che affrontano sfide difficili. “Quest’anno verranno destinati a organizzazioni che lavorano nel mio paese e a un altro programma in Africa al quale Brasile partecipa attivamente", ha commentato Ronaldo.

Pierluigi Collina, attuale capo designatore UEFA, ha finora arbitrato otto edizioni su nove e sarà nuovamente in campo: “Non è facile trovare iniziative di solidarietà che festeggiano il decimo anniversario. La Partita contro la povertà ci è riuscita, ed è fantastico! Per me è sempre stato un privilegio essere invitato a dare una mano a chi ha più bisogno”, ha spiegato.

"Poiché il calcio è lo sport più popolare del mondo e la povertà è una sfida globale, la partita è uno strumento meraviglioso per sensibilizzare la gente a dare un contributo, affinché tutti possano vivere una vita sana, produttiva e soddisfacente in ogni luogo del mondo".

Ronaldo e Zidane fanno parte di un gruppo di ambasciatori delle Nazioni Unite che comprende altri campioni del calcio come Didier Drogba, Iker Casillas e Marta.

Per maggiori informazioni, fare clic qui e qui

 

Top